fbpx

Il Dopocena

Carige: arrivano i dettagli del decreto

Il decreto sul salvataggio di Carige, varato ieri sera dal Consiglio dei Ministri, prevede l’attivazione di garanzie statali sulle obbligazioni emesse dalla banca genovese fino a un massimo di 3 miliardi di euro. Il limite temporale per il ricorso a tale meccanismo di garanzia è indicato nel 30 giugno prossimo. Inoltre, è stato creato un fondo pubblico da 1,3 miliardi per coprire gli oneri sui bond e l’eventuale sottoscrizione di azioni della banca. Lo Stato potrà sottoscrivere azioni fino a un valore massimo di 1 miliardo di euro. Durante il question time in Parlamento il ministro Tria ha affermato che non si può sapere se e quando avverrà l’intervento statale e che sarebbe preferibile arrivare comunque a una soluzione di mercato. L’opzione della nazionalizzazione, invocata da Di Maio come unica possibilità di intervento pubblico, è sul tavolo, ma si tratterebbe di un’operazione temporanea, sempre stando a quanto dichiarato dal Ministro Tria. In giornata si sono susseguite molte polemiche legate al fatto che, secondo alcuni giornali, il testo del decreto sarebbe identico a quello varato dal Governo Gentiloni per i salvataggi di Mps e delle banche venete.

 

Trump, discorso alla nazione sul muro col Messico

Nella serata di ieri, notte fonda in Italia, Donald Trump ha parlato alla nazione in merito alla costruzione del muro col Messico, che ha portato allo shutdown (sospensione temporanea dell’attività) del Governo federale. Trump ha usato diverse argomentazioni per tentare di convincere l’opinione pubblica americana della necessità del muro col Messico. Secondo i media statunitensi, però, buona parte di esse sarebbero fallaci. Ad esempio, le statistiche evidenziano che gli ingressi illegali dal Messico sono in calo da due decenni, il traffico di droga (più volte sbandierato dal Presidente) difficilmente verrebbe penalizzato dalla presenza di una barriera fisica e, infine, non esistono prove concrete dell’ingresso di terroristi dal confine meridionale degli USA, come affermato da Trump.

Intanto gli States sono al loro diciannovesimo giorno di shutdown, circa 800mila dipendenti federali sono forzatamente a riposo, quelli che garantiscono i servizi essenziali lo fanno senza ricevere lo stipendio e numerosi programmi di welfare sono a rischio per la mancanza di fondi. Nancy Pelosi, speaker dei Democratici al Congresso, ha confermato la disponibilità a finanziare progetti che rendano più sicuro il confine, ma non la costruzione di un muro costoso e inefficace e ha esortato il Presidente a smettere di tenere in ostaggio il popolo americano, occupandosi piuttosto di far ripartire le attività del Governo.

 

Starbucks sbarcherà anche a Roma a settembre

A settembre, la celebre catena statunitense, già arrivata in Italia, e in particolare a Milano, nel corso dello scorso anno, aprirà uno store anche a Roma. La location è ancora top secret, ma si tratterà probabilmente di un locale nella zona dei Musei Vaticani. Inoltre, è già stata programmata anche una seconda apertura, che avverrà sempre a Roma poco dopo la prima.

 

Migranti: si sblocca la situazione della Sea Watch, ma Salvini non ci sta

Sembra finalmente essersi sbloccata la situazione dei 49 migranti a bordo delle navi delle ONG Sea Watch e Sea Eye, in attesa di sbarcare in un porto sicuro europeo dallo scorso 22 dicembre. Malta ha autorizzato lo sbarco in cambio di una redistribuzione dei migranti tra 8 paesi europei tra i quali l’Italia. Poco dopo l’annuncio è però intervenuto il Ministro dell’Interno Salvini, che, molto contrariato perché il premier Conte aveva dato il consenso dell’Italia ad accogliere parte dei migranti senza consultarlo, ha richiesto un chiarimento. Allo scopo è stata fissata una riunione di maggioranza in serata. Infatti, secondo Salvini si è trattato “di una decisione che non ha senso”, perché la UE agevola il lavoro di scafisti e ONG e cedere alle pressioni e alle minacce è un segnale di debolezza che gli italiani non meritano. Intanto, a partire dalle 16 è iniziato lo sbarco dei migranti, che sono stati subito sottoposti a screening sanitario e, secondo quanto riferito dal Times of Malta, sono sembrati “stanchi ma felici” al momento di toccare terra.

Commenti

Commenti

Etichettato , , , , , , , ,