Autore: Alberto Maria Radici

Lo Stato in Italia è inefficiente

E’ sin dai tempi del fascismo che l’Italia ha deciso di non sposare pienamente il modello capitalistico anglo-americano basato su un’impostazione mercato-centrica. Lo Stato è sempre rimasto molto presente in tutti i settori, a partire da quelli di rilevanza strategica, dove le imprese dell’IRI l’hanno sempre fatta da padrone fino all’alba del nuovo millennio. L’Italia, […]

Leggi tutto

L’Italia e l’euro, un rapporto difficile

L’Italia, dal punto di vista formale, si impegnò ad entrare nell’eurozona nel 1992 con la firma dei Trattati di Maastricht. All’alba del 1996, tuttavia, non era certo che l’Italia entrasse a far parte del club dei fondatori. Infatti il paese non era ancora riuscito a rispettare i parametri fissati quattro anni prima. Così il Governo […]

Leggi tutto

L’euro: perché l’Italia ha voluto la moneta unica

La scelta dell’Italia e degli altri Paesi aderenti all’Unione Europea di introdurre l’euro è stata di natura soprattutto politica piuttosto che economica. L’inizio del profondo processo di allargamento ed approfondimento della collaborazione tra Stati europei risale a subito dopo la fine della seconda guerra mondiale. Archiviati i dolori ed i rancori provocati dal conflitto, le […]

Leggi tutto

La disuguaglianza in Italia

L’Italia degli ultimi trent’anni è un esempio perfetto per descrivere le economie con alti livelli di disuguaglianza strutturale. Alla radice di questo problema vi è innanzitutto il brusco calo delle nascite con il conseguente invecchiamento della popolazione. Questo fenomeno riguarda tutto il mondo Occidentale ed ha colpito l’Italia in modo particolare.     Un maggior […]

Leggi tutto

Euro, i punti deboli della moneta unica

Nonostante illustri economisti, come Stiglitz e Friedman, abbiano criticato il tentativo di creare un’area valutaria unica per economie eterogenee, nei primi dieci anni della sua vita l’euro ha riscosso successo dall’opinione pubblica, dai principali partiti politici e dai mercati. L’euro, grazie alla scomparsa del rischio di svalutazione della moneta percepito dai mercati sui titoli sovrani […]

Leggi tutto

Come e quanto l’Italia si è impoverita dagli anni ’90

Era il 16 Maggio 1991 quando il Corriere della Sera titolò “Italia Quarta Potenza”, riassumendo le dichiarazioni rilasciate dall’allora Presidente del Consiglio, Giulio Andreotti, nel giorno precedente. L’Italia aveva sorpassato Francia ed Inghilterra nel valore del Prodotto Interno Lordo. Dal 1950 al 1992 il valore assoluto del PIL reale quadruplicò, aumentando in media del 4% […]

Leggi tutto

L’FMI contro monopoli e disuguaglianza

Era il 4 Maggio del 1979 quando Margaret Tatcher vinse le elezioni e divenne Primo Ministro d’Inghilterra. Fu il primo grande passo verso la rivoluzione neoliberista che trasformò il capitalismo a livello mondiale, rendendo il mercato più efficente ma anche aumentando la disuguaglianza.   La rivoluzione neoliberista Le elezioni di Tatcher prima e di Reagan […]

Leggi tutto

Vent’anni di stagnazione: l’Italia non sa più crescere

L’Italia è un Paese più povero di dieci anni fa. Non solo la produzione complessiva è inferiore ai livelli del 2006, ma sono crollati anche la competitività internazionale, la capacità di attrarre investimenti ed il salario medio. La crisi finanziaria partita dagli Stati Uniti nel 2007 ha messo in evidenza tutti i difetti strutturali del […]

Leggi tutto

Sarebbe possibile abbandonare l’euro?

L’Articolo 50 del Trattato di Lisbona ammette la possibilità per gli stati membri di uscire dall’Unione Europea. Tuttavia, non vi è nessuna legge che faccia cenno alla possibilità per un Paese membro di abbandonare l’euro dopo averlo adottato come valuta. Sistemi a cambi fissi: la storia Nella Storia i sistemi monetari a cambi fissi non […]

Leggi tutto

Cosa farebbe Aldo Moro per l’euro e l’Europa

Nella speranza di effettuare il primo grande passo verso la creazione di una nuova identità geopolitica europea, il I Gennaio del 1999 venne alla luce l’euro. La nuova moneta unica fu adottata da 19 Stati membri dell’Unione Europea. Nei primi dieci anni della sua esistenza l’euro è stato considerato un processo irreversibile dall’opinione pubblica, dai […]

Leggi tutto