Autore: Francesco Cirillo

L’uso dell’intelligence per la raccolta di informazioni economiche

Prima, l’utilizzo di organi di intelligence era riservato al settore della sicurezza nazionale. Oggi, invece, anche per il mondo economico-finanziario si stanno sviluppando una sorta di servizi segreti, che lavorano nell’ombra per la raccolta di informazioni. Sull’Intelligence economica, Michael E. Porter, della Harvard Business School, affermò un principio chiave: «Dare l’informazione giusta alla persona giusta, […]

Leggi di più

Le ZES cinesi, la chiave del progresso di un regime totalitario

Le Zone Economiche Speciali, abbreviato ZES, sono aeree geografiche uniche, in cui la legislazione in tema economico-finanziario è totalmente diversa da quella presente e sul resto del territorio nazionale. Ad oggi la Cina sfrutta queste ZES nelle sue città per attuare misure sia economiche che sociali più flessibili. L’amministrazione delle ZES cinesi è separata dalla […]

Leggi di più

Erdogan, il progetto neo-ottomano finanziato dalla Cina

La rielezione del “Sultano di Istanbul” a Presidente della Repubblica Turca sancisce la continuazione del progetto neo-ottomano, iniziato quasi 20 anni fa dallo stesso Presidente Recep Tayyip Erdogan, con lo scopo di rendere Ankara una potenza regionale ed un ponte tra oriente ed occidente. Pechino è il principale alleato di Erdogan in questo progetto, che […]

Leggi di più

Il Gruppo Bilderberg, un tempio per il libero dialogo fra potenti

Nel capoluogo del Piemonte, Torino, si è svolto tra il 7 ed il 10 giugno di quest’anno il 66° meeting annuale del Gruppo Bilderberg, importante riunione di circa 120/150 elementi di altissimo profilo politico, economico e sociale. Il Gruppo Bilderberg La storia del Gruppo Bilderberg inizia nel 1954 in un hotel di Oosterbeek, nei pressi […]

Leggi di più

L’Europa verso l’indipendeza dal gas russo?

Il mediterraneo sud-orientale rischia trasformarsi in terreno di scontro diplomatico tra la Federazione russa e i paesi europei. L’interesse primario dei due contendenti è la sicurezza energetica ma c’è anche la volontà dell’Unione Europea di trovare alternative al gas russo. La contesa tra Mosca e Bruxelles nasce dalle tensioni che sono emerse con l’opposizione di […]

Leggi di più

Una guerra fredda per il prezzo del petrolio

L’uscita degli USA dall’Iran deal, ratificato dal predecessore di Trump, Barack Obama nel 2015, rischia di coinvolgere l’Organizzazione dei Paesi esportatori di Petrolio, organo internazionale che influenza le politiche riguardanti la produzione regolamentando il settore. In questo scenario di instabilità  divergono molto la linea dell’Arabia Saudita, che propone il congelamento della produzione petrolifera, e quella […]

Leggi di più

La stretta relazione fra guerre e Mercati

La relazione fra lo scoppio di conflitti armati ed i Mercati. Ancora oggi è difficile scovare le connessioni che legano i listini alle guerre o alle escalation. Il Raid USA-Francia-Gran Bretagna contro Assad del 14 aprile ha riaperto il tema dei possibili effetti di un conflitto militare sui i mercati mondiali.   Il costo di […]

Leggi di più

Il polo nord, la nuova frontiera energetica

A causa del riscaldamento globale la regione artica, ricca di materie prime, è sempre più semplice ed economica da raggiungere. Diverse grandi potenze, come la Russia e la Cina, si sono già mostrate molto interessate alle potenzialità della regione. Per quanto riguarda Pechino, in particolare, i programmi per lo sfruttamento del polo sarebbero integrati al […]

Leggi di più

Il gas del mediterraneo orientale, un buffet che nessuno vuole perdersi

La Geopolitica energetica nel mediterraneo Orientale I nuovi giacimenti di Idrocarburi scoperti del Mediterraneo sud-orientale rischiano di aprire una nuova corsa energetica in una regione già turbata dai conflitti attuali. La crisi diplomatica tra Roma ed Ankara legata alla nave della ENI-Saipem, bloccata dalla marina militare turca in acque internazionali al largo di Cipro, rappresenta […]

Leggi di più

Gli interessi della Cina in America Latina

Nel Suriname, Paese del Sud-America, la presenza di Pechino nel tessuto economico-finanziario pesa molto sull’andamento dell’economia nazionale. L’influenza della Cina nell’ex colonia olandese si fonda sugli imprenditori di cittadinanza cinese che hanno potuto sviluppare le proprie attività, spiazzando quelle locali, grazie al sostegno economico del governo della loro nazione di origine. Il Suriname è però […]

Leggi di più