Autore: Francesco Cirillo

Putin punta il Mar Caspio

Ad agosto 2018 Iran, Azerbaigian, Russia, Kazakistan e Turkmenistan hanno ratificato l’accordo che definisce lo status legale del Mar Caspio. Per i 5 Paesi il Caspio non dovrà essere né lago né mare. Ad Aktau, città kazaka che si affaccia sul Caspio, si sono incontrati i cinque leader, l’iraniano Rouhani, il russo Putin, l’azero Iliev, […]

Leggi di più

L’influenza dei sauditi nel Corno D’Africa

La pace raggiunta tra Eritrea ed Etiopia l’8 luglio del 2018 sancisce la fine di una disputa che durava da più di vent’anni. Tuttavia, dietro la pace raggiunta tra Asmara ed Addis Abeba c’è la pragmatica diplomazia saudita. La monarchia di Riyad punta ad aumentare la sua influenza nell’Africa orientale, anche per proteggere gli interessi […]

Leggi di più

Il deep state del Brasile

Il 7 ottobre i cittadini del Brasile hanno votato il nuovo Presidente del Paese, dopo la “tangentopoli verde-oro” iniziata nel 2015. Le vicende legate a questo scandalo hanno causato una pesante crisi economica e la deposizione, da parte del Congresso Brasiliano, del Presidente del Partito dei Lavoratori(PT) Dilma Rousseff. Tuttavia, nel Brasile esiste un potente […]

Leggi di più

Xi Jinping punta il Medio Oriente

La Belt and Road Iniziative è il principale obiettivo della politica estera di Xi Jinping, Presidente della Repubblica Popolare Cinese. Pechino si sta muovendo per andare avanti con il progetto Nuova via della seta, che prevede la creazione di un’immensa rete commerciale governata dalla Cina. Tra le regioni nel mirino di Xi Jinping, la più […]

Leggi di più

La trappola del debito cinese

Pakistan, Sri Lanka, Tagikistan, Myanmar, Mongolia, Laos, e Gibuti sono alcuni dei paesi presi di mira dalla trappola del debito di Pechino. Questa consiste nell’obbligo di consegnare le infrastrutture pubbliche al governo cinese se non si rispettano le rate di pagamento dei prestiti elargiti. Questa manovra può essere considerata parte integrante del progetto “Nuova Via […]

Leggi di più

L’uso dell’intelligence per la raccolta di informazioni economiche

Prima, l’utilizzo di organi di intelligence era riservato al settore della sicurezza nazionale. Oggi, invece, anche per il mondo economico-finanziario si stanno sviluppando una sorta di servizi segreti, che lavorano nell’ombra per la raccolta di informazioni. Sull’Intelligence economica, Michael E. Porter, della Harvard Business School, affermò un principio chiave: «Dare l’informazione giusta alla persona giusta, […]

Leggi di più

Le ZES cinesi, la chiave del progresso di un regime totalitario

Le Zone Economiche Speciali, abbreviato ZES, sono aeree geografiche uniche, in cui la legislazione in tema economico-finanziario è totalmente diversa da quella presente e sul resto del territorio nazionale. Ad oggi la Cina sfrutta queste ZES nelle sue città per attuare misure sia economiche che sociali più flessibili. L’amministrazione delle ZES cinesi è separata dalla […]

Leggi di più

Erdogan, il progetto neo-ottomano finanziato dalla Cina

La rielezione del “Sultano di Istanbul” a Presidente della Repubblica Turca sancisce la continuazione del progetto neo-ottomano, iniziato quasi 20 anni fa dallo stesso Presidente Recep Tayyip Erdogan, con lo scopo di rendere Ankara una potenza regionale ed un ponte tra oriente ed occidente. Pechino è il principale alleato di Erdogan in questo progetto, che […]

Leggi di più

Il Gruppo Bilderberg, un tempio per il libero dialogo fra potenti

Nel capoluogo del Piemonte, Torino, si è svolto tra il 7 ed il 10 giugno di quest’anno il 66° meeting annuale del Gruppo Bilderberg, importante riunione di circa 120/150 elementi di altissimo profilo politico, economico e sociale. Il Gruppo Bilderberg La storia del Gruppo Bilderberg inizia nel 1954 in un hotel di Oosterbeek, nei pressi […]

Leggi di più

L’Europa verso l’indipendeza dal gas russo?

Il mediterraneo sud-orientale rischia trasformarsi in terreno di scontro diplomatico tra la Federazione russa e i paesi europei. L’interesse primario dei due contendenti è la sicurezza energetica ma c’è anche la volontà dell’Unione Europea di trovare alternative al gas russo. La contesa tra Mosca e Bruxelles nasce dalle tensioni che sono emerse con l’opposizione di […]

Leggi di più