Autore: Michele Marco Merola

Il Trattato di Lisbona

Il Trattato di Lisbona è stato firmato il 13 dicembre 2007 dagli allora 27 Stati membri dell’Unione Europea ed è entrato in vigore il 1° dicembre 2009. La Costituzione europea Il Trattato di Lisbona si ispira al Trattato Costituzionale del 2004 di cui è fondamentale ripercorrere il percorso storico. In occasione del Consiglio Europeo di […]

Leggi di più

Il Trattato di Maastricht

Il Trattato di Maastricht, o Trattato sull’Unione Europea (TUE), è stato firmato a Maastricht il 7 febbraio 1992. A sottoscriverlo sono stati i dodici Capi di Stato e di Governo dei Paesi dell’allora Comunità Europea. Questi erano Germania, Francia, Italia, Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo, Irlanda, Regno Unito, Danimarca, Grecia, Spagna e Portogallo. Il trattato entrerà […]

Leggi di più

L’Europa dalla Dichiarazione Schuman a Maastricht

Oggi l’Unione Europea è una realtà che sembra esserci da sempre, eppure la sua fondazione è abbastanza recente. La strada che ha condotto alla creazione di una simile istituzione è stata  lunga e tortuosa, fatta di molte tappe intermedie. L’UE nascerà dopo un percorso cominciato alla fine del secondo conflitto mondiale e giunto fino al […]

Leggi di più

I piani di ammortamento

L’assunzione di un debito determina la necessità di stabilire le modalità attraverso le quali procedere alla relativa estinzione. Per questo motivo esistono i  piani di ammortamento. Riprendendo la definizione presentata da Ubi Banca: <<Il piano di ammortamento rappresenta il piano dettagliato della restituzione del capitale prestato più gli interessi maturati dalla banca. In esso viene […]

Leggi di più

Il bilancio dell’UE: come si finanzia l’Europa e come usa i soldi

“Le fonti di finanziamento dell’UE comprendono i contributi dei paesi membri, i dazi all’importazione sui prodotti provenienti dall’esterno dell’Unione e le multe applicate alle imprese che non rispettano la normativa europea. I paesi dell’UE concordano con diversi anni di anticipo l’entità del bilancio e le modalità di finanziamento.” I finanziamenti dell’UE si distinguono in 3 […]

Leggi di più

PPP, cosa c’è dietro il tasso di cambio

Molto spesso per misurare la capacità d’acquisto in un Paese estero si fa ricorso al tasso di cambio. Esso può essere espresso secondo due metodologie, ovveo incerto per certo e certo per incerto. Nel primo si fa riferimento all’ammontare di valuta domestica necessaria per acquisire un ammontare fisso di currency straniera. Per fare un esempio, […]

Leggi di più

Quanto costa all’Europa lo squilibrio economico fra gli Stati membri

Il sistema eurozona oggi è dominato da un modello export-led, le cui implicazioni possono anche essere pericolose. Secondo lo studio di George Saravelos, di Deutsche Bank, si tratta, per come è impostato, di una politica insostenibile nel medio-lungo periodo per una serie di ragioni. Innanzitutto, perché si nutre della carenza di domanda interna e dell’alto […]

Leggi di più

Il processo di entrata della Grecia nell’euro

La Grecia rappresenta l’1,7%, circa, del PIL dell’Eurozona e l’1,2% di quello dell’Unione Europea. Si parla un Prodotto Interno Lordo che, secondo l’Istituto Statistico Ellenico (ELSTAT), era pari, nel 2016, a circa € 174 miliardi, con un calo dello 0,2% rispetto all’anno precedente.   L’ingresso della Grecia nell’euro La Grecia è entrata nell’euro a partire […]

Leggi di più

Il rapporto tra PIL e povertà, il caso della Germania

Molto spesso per testare lo stato di salute di un’economia si fa riferimento al Prodotto Interno Lordo (PIL) o Gross Domestic Product (GDP). Il PIL costituisce il valore complessivo dei beni e servizi finali realizzati in uno Stato nel corso di un determinato intervallo temporale, di norma della durata di un anno.  La Germania, soprannominata […]

Leggi di più

Germania e Grecia: una relazione pericolosa

  Nell’aprile 2015, l’esposizione del Governo Tedesco nei confronti della Grecia risultava superare i €90 miliardi Tuttavia, al termine del secondo conflitto mondiale, il debito accumulato in due guerre dalla Germania risultava essere pari a $23 miliardi, equivalente al 100% del PIL tedesco. Una cifra insormontabile, che avrebbe difficilmente potuto pagare. Nella Conferenza di Londra, […]

Leggi di più