fbpx

Barilla, una storia italiana

L’Italia è universalmente nota per il suo cibo e per le sue specialità culinarie. Tra i prodotti senza dubbio più famosi e più riconoscibili c’è la pasta, ormai diventata sinonimo di italianità nel mondo. Questo successo deriva anche dal ruolo svolto da una più delle più grandi multinazionali del settore alimentare, la Barilla, portabandiera del modello alimentare mediterraneo nel mondo.

La Barilla ha una storia lunga quasi quanto l’Italia; essa venne fondata nel lontano 1877 a Parma da Pietro Barilla.

La visione di Pietro Barilla

Pietro Barilla discendeva da un’antica famiglia di panettieri, conosciuta fin dalla seconda metà del Cinquecento. Nel 1877 ebbe l’idea di aprire una bottega specializzata nella produzione di pane e pasta nel centro di Parma. La produzione iniziale ammontava a solo 50 kg di pasta al giorno, ma il primo passo verso la multinazionale conosciuta da tutti era stato compiuto. Nonostante alcune difficoltà e il fallimento della bottega nel 1894, Barilla riuscì ad ingrandire la propria attività, trasformandola in una vera e propria azienda, che nel 1905 produceva già 25 quintali di pane e pasta al giorno.

In quegli anni il forno si ingrandì rapidamente e nel 1910, visto il crescente successo, fu inaugurato un pastificio industriale dotato di un forno a produzione continua che, con una forza lavoro di 100 operai, permetteva di raggiungere gli 80 quintali di pasta al giorno. Nello stesso anno venne creato il primo marchio aziendale, in modo da rendere facilmente riconoscibile la pasta prodotta.

Alla morte di Pietro Barilla il testimone passò al figlio Riccardo, che nel corso degli anni Venti, grazie ai moderni macchinari utilizzati e ad una buona organizzazione commerciale, portò la Barilla a coprire tutto il territorio nazionale, con una produzione di pasta che toccò gli 850 quintali giornalieri.

L’espansione all’estero

Nel 1947 la guida dell’azienda passò al figlio di Riccardo, Pietro, che insieme al fratello Giovanni cercò di far conoscere anche all’estero il marchio Barilla e di valorizzarne l’immagine. La modernizzazione viene fatta risalire al 1950 quando Pietro durante un viaggio negli Stati Uniti apprese le principali tecniche di marketing e della distribuzione organizzata. Allo stesso tempo furono compiuti importanti investimenti volti a migliorare la qualità dei prodotti; ciò portò, nel 1952, all’interruzione della produzione di pane, per dedicarsi alla più redditizia pasta. Grazie a questa scelta Barilla diventò velocemente il leader di mercato in Italia per la pasta all’uovo e di semola.

Durante il boom economico l’azienda entra anche nel mercato dei prodotti da forno, producendo cracker, grissini e fette biscottate; negli anni ’60 viene inaugurato il più grande pastificio del mondo, capace di produrre ben 1000 tonnellate di pasta al giorno. Tuttavia, tra il finire degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Settanta, a causa di un periodo di crisi dell’industria italiana e delle crescenti tensioni con i sindacati la quota di maggioranza dell’azienda passa alla multinazionale statunitense W.R. Grage, nonostante le resistenze di Pietro. Sotto la loro guida, Barilla punta a diversificare la produzione creando, nel 1975, il famoso brand Mulino Bianco.

Barilla come multinazionale d’eccellenza

Nel 1979 si ha di nuovo un Barilla a capo dell’azienda, dal momento che la quota di maggioranza viene riacquistata da Pietro, che fonda nello stesso anno consociate estere in Francia, Spagna e Germania per rilanciare il brand dell’italianità. In poco più di 10 anni dal rientro di Pietro il fatturato aumenta di 10 volte e gli stabilimenti passano da 5 a 25, permettendo così a Barilla di diventare prima nel mercato della pasta in Europa.

Nel 1993 la guida passa ai figli di Pietro, che avviano un intenso processo di internazionalizzazione ed espansione nei mercati europei e statunitensi, basato su numerose acquisizioni, ben sette in meno di 10 anni.

Nel corso degli anni Duemila la società promuove lo sviluppo prima dell’“Accademia Barilla”, con l’obiettivo di diffondere la cucina nel mondo, e poi del “Barilla Center for Food and Nutrition”, un centro di pensiero dedicato alla promozione e alla condivisione dei temi legati alla nutrizione e all’alimentazione nel mondo.

Oggi Barilla ha più di 28 poli produttivi, tra pastifici, forni e mulini, che forniscono il 70% della materia prima necessaria alla produzione. Nel 2017 i ricavi hanno raggiunto i 3,468 miliardi di euro (con un aumento del 2% rispetto al 2016) e l’utile netto è stato di 241 milioni di euro.

«Andiamo avanti, andate avanti con coraggio»

Pietro Barilla

discendenza barilla


Potrebbe interessarti anche il seguente articolo:

Ferrari e Lamborghini, due storie a confronto

Commenti

Commenti

Etichettato , , , , , ,