Categoria: Geopolitica

Il deep state del Brasile

Il 7 ottobre i cittadini del Brasile hanno votato il nuovo Presidente del Paese, dopo la “tangentopoli verde-oro” iniziata nel 2015. Le vicende legate a questo scandalo hanno causato una pesante crisi economica e la deposizione, da parte del Congresso Brasiliano, del Presidente del Partito dei Lavoratori(PT) Dilma Rousseff. Tuttavia, nel Brasile esiste un potente […]

Leggi di più

Dietro il successo e l’insuccesso economico delle nazioni

Secondo l’economista americano Daron Acemoglu, il successo economico di una nazione dipende soprattutto dal tipo di istituzioni politiche al suo interno.   Come le istituzioni politiche influenzano l’economia di un Paese Le istituzioni politiche e la forma di stato e di governo, secondo Acemoglu, influiscono più di ogni altra cosa sull’economia. Il fulcro del ragionamento […]

Leggi di più

Xi Jinping punta il Medio Oriente

La Belt and Road Iniziative è il principale obiettivo della politica estera di Xi Jinping, Presidente della Repubblica Popolare Cinese. Pechino si sta muovendo per andare avanti con il progetto Nuova via della seta, che prevede la creazione di un’immensa rete commerciale governata dalla Cina. Tra le regioni nel mirino di Xi Jinping, la più […]

Leggi di più

Il porto di Trieste: un unicum europeo

Trieste, un porto franco: storia e qualità Il più importante porto italiano per traffico merci è il porto franco ed extra-territoriale di Trieste. I vantaggi derivanti dall’essere porto franco riguardano i benefici tributari e la semplificazione normativa e burocratica. Questo status appartiene storicamente al capoluogo friulano. Infatti, fu concesso nel 1719 dall’imperatore Carlo VI d’Asburgo […]

Leggi di più

La trappola del debito cinese

Pakistan, Sri Lanka, Tagikistan, Myanmar, Mongolia, Laos, e Gibuti sono alcuni dei paesi presi di mira dalla trappola del debito di Pechino. Questa consiste nell’obbligo di consegnare le infrastrutture pubbliche al governo cinese se non si rispettano le rate di pagamento dei prestiti elargiti. Questa manovra può essere considerata parte integrante del progetto “Nuova Via […]

Leggi di più

L’uso dell’intelligence per la raccolta di informazioni economiche

Prima, l’utilizzo di organi di intelligence era riservato al settore della sicurezza nazionale. Oggi, invece, anche per il mondo economico-finanziario si stanno sviluppando una sorta di servizi segreti, che lavorano nell’ombra per la raccolta di informazioni. Sull’Intelligence economica, Michael E. Porter, della Harvard Business School, affermò un principio chiave: «Dare l’informazione giusta alla persona giusta, […]

Leggi di più

Le ZES cinesi, la chiave del progresso di un regime totalitario

Le Zone Economiche Speciali, abbreviato ZES, sono aeree geografiche uniche, in cui la legislazione in tema economico-finanziario è totalmente diversa da quella presente e sul resto del territorio nazionale. Ad oggi la Cina sfrutta queste ZES nelle sue città per attuare misure sia economiche che sociali più flessibili. L’amministrazione delle ZES cinesi è separata dalla […]

Leggi di più

La teoria della stabilità egemonica

La teoria della stabilità egemonica mette in relazione l’egemonia di un singolo attore internazionale, uno Stato di solito, e la diffusione di un ordine economico liberale. L’agente egemone plasma le relazioni economiche internazionali favorendo la creazione di un’economia aperta, che beneficia tutti i partecipanti al sistema. Essa fu proposta inizialmente da Kindleberger nel 1973, e […]

Leggi di più

Erdogan, il progetto neo-ottomano finanziato dalla Cina

La rielezione del “Sultano di Istanbul” a Presidente della Repubblica Turca sancisce la continuazione del progetto neo-ottomano, iniziato quasi 20 anni fa dallo stesso Presidente Recep Tayyip Erdogan, con lo scopo di rendere Ankara una potenza regionale ed un ponte tra oriente ed occidente. Pechino è il principale alleato di Erdogan in questo progetto, che […]

Leggi di più

La Nuova Via della Seta, gli investimenti cinesi che spaventano il mondo

Dopo aver creato un giro d’affari con un valore complessivo che supera i 3 trilioni di dollari, avvicinando le aziende cinesi ad i suoi partner commerciali, la Nuova Via della Seta, Belt and Road Initiative (BRI),comincia ad essere guardata con sospetto dai governi di molti Paesi. La BRI, nota anche come One Belt One Road […]

Leggi di più