Giovanni Rana: il re italiano dei tortellini nel mondo

Giovanni Rana: il re italiano dei tortellini nel mondo

Rubrica: #Italianbusinessmanoftheweek

L’Italia è il paese delle piccole imprese a conduzione familiare, ma a volte anche le piccole imprese possono diventare grandi. Si pensi agli inizi di #Ferrero o di #Barilla, ma anche alla storia dell’imprenditore Giovanni #Rana. Addestrato fin da piccolo a lavorare nel forno di famiglia come garzone, si appassiona alla produzione di pasta fresca e a 24 anni fonda il suo primo pastificio artigianale a San Giovanni Lupatoto e inizia a produrre #tortellini su ordinazione. Il successo ottenuto gli permette di aprire un pastificio industriale, in cui la produzione è automatizzata grazie a macchinari appositamente studiati, e questo incrementa la produzione e il successo dei suoi prodotti 
E’ anche considerato un innovatore della comunicazione d’impresa, perché è uno dei primi imprenditori che ha personalizzato il #brand aziendale mettendo il suo nome e la sua faccia negli #spot
Oggi Giovanni Rana è Presidente del Pastificio Rana e a condurre l’azienda è suo figlio Gian Luca (Amministratore Delegato), entrato in azienda all’età di ventidue anni.
Il gruppo Rana fattura il 60% all’estero, con grande traino del mercato americano (in quattro anni 160 milioni di fatturato). Infatti dallo sbarco negli Stati Uniti il gruppo ha aggiunto a quello già esistente a #Chicago un secondo sito produttivo nella stessa città. Un investimento di oltre 40 milioni di dollari. 
Per comprendere le dimensioni della complessità di gestire la supply chain di un gruppo che produce ed esporta pasta fresca in 38 paesi nel mondo, con una gamma di sapori vastissima, basta un numero: 5mila chilogrammi all’ora. Questa è la capacità produttiva di una sola linea.

Sicuramente avrai comprato almeno una volta i prodotti di Giovanni Rana, ma ti sei mai chiesto quanto questo imprenditore sia riuscito ad esportare il Made in Italy nel mondo? #Diccilatua 

Commenti

Commenti

Etichettato , , , , , , , , , ,