Il Warren Buffett italiano: Giovanni Tamburi

Giovanni Tamburi, con la sua strategia d’investimento, è diventato uno dei più importanti uomini d’affari italiani. Grazie alla lungimiranza dell’imprenditore, la sua società, Tamburi Investment Partners, ha registrato un rendimento del 145% negli ultimi 5 anni.

Giovanni Tamburi: Presidente e Amministratore delegato di TIP, nonché fondatore e socio di T&A e di TIP, è attivo nel campo della finanza aziendale dal 1977, prima nel Gruppo Bastogi poi, dal 1980 al 1991, in Euromobiliare. (Fonte: sito Tamburi Investment Partners S.P.A.)

Approccio d’investimento e portfolio attuale

Tamburi Investment Partners (TIP), è una società che si occupa di advisory finanziario e di gestire investimenti diretti, in società quotate in Borsa e non. L’azienda fondata da Tamburi è quotata nel segmento FTSE Star di Borsa Italiana, con una capitalizzazione di mercato di circa 1 miliardo di euro. TIP investe in equity, in posizioni di minoranza ed in società leader nella loro nicchia di mercato. Si caratterizza anche per la sua capacità di raccogliere capitali da un network, con 150 famiglie di imprenditori con grandi disponibilità finanziarie come clienti.

Logo della Tamburi Investment Partners S.P.A.

 

TIP investe principalmente in aziende italiane ma ha in portfolio anche aziende straniere. Fra queste ci sono Amplifon, Ferrari, Hugo Boss, Interpump, Moncler ed AlpiTour. A fine 2018, il suo portfolio era investito per il 35% nel settore Luxury, per il 40% in Technology and Innovation, per circa il 20% in HealthCare ed il 5% in altro. La Tamburi Investment Partners ha una notevole esperienza nell’investimento in aziende a gestione familiare. Inoltre, si interessa a società con una forte generazione di cassa ed interessate a fare acquisizioni per crescere.

Differenze dall’approccio dei fondi di Private Equity

TIP è specializzata negli investimenti di lungo periodo, al contrario dei fondi di Private Equity, che investono con una scadenza predeterminata. Per esempio, TIP è in Amplifon dal 2010 ed è in Interpump dal 2003. Questo si denota anche nella scelta dell’assetto societario, infatti TIP è una S.P.A. e non un fondo.

TIP incoraggia le sue partecipate a distribuire parte dell’utile netto, che a sua volta distribuisce ai suoi azionisti. Questo approccio si contrappone a quello dei fondi di Private Equity, che di solito preferiscono non distribuire dividendi. Anche il posizionamento su quote di minoranza è atipico per il settore, visto che i fondi di solito acquisiscono la maggioranza dell’azienda. TIP deve, quindi, investire in aziende leader di settore con ingenti flussi di cassa per avere la certezza della distribuzione dei dividendi, visto il suo posizionamento “debole” negli assetti societari.

TIP non va mai a sostituire il management delle società, bensì si posiziona come advisor strategico e finanziario supportando le sue partecipate nell’acquisizione di altre aziende. Infatti, non si evincono sostanziali sinergie tra le diverse partecipate del gruppo, anche a causa dell’ampia diversificazione settoriale.

 

Il successo della Tamburi Investment Partners

Dal 2000 in 20 anni Tamburi ha messo assieme i fondi dalle principali famiglie industriali italiane e li ha utilizzati per far crescere le eccellenze del Paese. Dalla sua quotazione in Borsa, nel 2005, la Tamburi Investment Partners ha più che triplicato il suo valore azionario. Questo nonostante le difficoltà iniziali dovute alla crisi del 2008, che ha colpito la società durante i suoi primi anni nella Borsa Italiana.

 


Se questo articolo ti è piaciuto potrebbe interessarti anche:

Enrico Mattei, l’imprenditoria che rese grande l’Italia

Commenti

Commenti

Etichettato , , , , ,