Il Dopocena

Governo, Altissima tensione tra i due leader del centrodestra.

Nel giorno del colloquio tra Casellati e Mattarella al colle, dove la presidente ha aggiornato sulla situazione fallimentare degli incontri esplorativi con i partiti, Silvio Berlusconi chiude le porte a qualsiasi possibile trattativa con i 5 stelle, usando anche parole pesanti : “I cinquestelle sono un pericolo per il Paese, non sono un partito democratico. Sono il partito dei disoccupati. A Mediaset pulirebbero i cessi. Mi sono un po’ rotto di spiegare ancora queste cose agli italiani. Che hanno votato molto male, Ed espone la sua idea di esecutivo, che comprende un’apertura al Pd: “Io penso a un governo di centrodestra che guardi al gruppo misto e ad alcuni esponenti del Pd: su questo punto la penso molto diversamente da Giorgia Meloni e Matteo Salvini”.

 

 

L’Italia necessita di aumentare l’iva e ampliare la base imponibile, secondo il FMI.

Il Fondo Monetario Internazionale consiglia la patrimoniale all’Italia – Vitor Gaspar, del dipartimento degli Affari Fiscali del Fmi, ha stilato un rapporto sui conti pubblici Italiani, affermando la necessità del taglio della spesa primaria corrente e la riduzione del carico fiscale sul lavoro, un ampliamento della base imponibile e uno spostamento della tassazione sui patrimoni e sugli immobili, oltre a suggerire un aumento dell’iva. Nel dettaglio, il tecnico di Washington stima che con queste misure il rapporto debito/PIL calerà al 129,7% nel 2018 e al 127,5% nel 2020, per raggiungere il 116,6% nel 2023.

 

 

Rincorsa al litio per i prossimi 5-10 anni.

Le richieste di litio negli ultimi 2 anni sono incredibilmente aumentate, grazie all’incredibile evoluzione e dall’incremento della domanda delle auto elettriche. Dopo Tesla, diverse aziende produttrici impegnate nella produzione di auto elettriche, hanno assalito il mercato del Litio, il metallo alcalino (insieme al cobalto) necessario per la produzione di batterie dei veicoli elettrici.
Tra queste, BMW che ha firmato accordi con le più grandi aziende produttrici di Litio, garantendosi un massimo approvvigionamento per i prossimi anni, gli stessi nei quali gli analisti confermano una costante crescita esponenziale della domanda; Nessun nome ufficiale è stato fornito, ma in terre Australiane si vocifera il nome di Galaxy Lithium (GXY:ASE), azienda quotata alla borsa di Sydney (S&P/ASX 200).
La domanda del Litio espande le proprie frontiere aprendosi agli investitori privati sotto forma di ETF, ad oggi l’unico ETF esistente è il “Global X Lithium & Battery Tech” che come possibile osservare nel grafico sottostante ha registrato nell’ultimo anno una performance del 62%. L’indice sottostante è composto dalle 27 maggiori aziende produttrici del Litio di cui 63% da titoli di paesi avanzati e 27% da titoli di mercato emergenti.
Secondo gli analisti di Morningstar, la richiesta del metallo alcalino è destinata a quadruplicarsi nei prossimi 8 anni.

Commenti

Commenti