Il Dopocena

Il PIL italiano è cresciuto dello 0,2%

Il secondo trimestrale del 2018, calcolato dall’Istat, vede il Prodotto Interno Lordo italiano in crescita dello 0,2%. In particolare si è osservato un rallentamento della crescita del settore primario ed un incremento per quel che riguarda secondario e terziario. Il tasso di crescita del PIL nel 2018, con quest’ultimo dato, è del +0,9%. Per il momento il livello di crescita è di poco inferiore a quello del 2017.

 

Grandi privatizzazioni in Ucraina

Il governo ucraino, come ha dichiarato il Ministro Oleksandr Sayenko, ha selezionato dei consulenti per guidare una grande operazione di privatizzazione  nel Paese. Questa politica è coerente con la legge da poco approvata in Ucraina per favorire la privatizzazione delle proprietà pubbliche, statali o comunali. L’operazione avrà come oggetto 23 aziende, fra cui la PJSC Odesa Port Plant, la PJSC President Hotel e la PJSC Indar.

 

Trump vuole abbassare le tasse per i ricchi

Il New York Times riporta che il governo Trump sta lavorando per far passare una riduzione, del valore complessivo di 100 miliardi, delle tasse sul capitale, ovvero quelle che fanno pagare di più i cittadini più facoltosi. Trump, inoltre, sta cercando il modo di scavalcare il congresso nel far approvare questa legge.

 

Movimenti sospetti in Corea del Nord

I satelliti hanno mostrato molte attività intorno all’azienda nord-coreana dove è stato realizzato il primo missile intercontinentale di Pyongyang. L’andirivieni di camion ed il movimento generale intorno lasciano credere che Kim Jong Un non abbia bloccato la produzione di congegni balistici. Nel frattempo le trattative fra la Casa Bianca ed il regime continuano. Per adesso non ci saranno reazioni da parte degli USA, in quanto non ci sono prove su cosa si stia producendo nello stabilimento.

 

Nuove sanzioni per la Russia

L’Unione Europea ha bloccato sul suo territorio il lavoro di sei aziende russe. Il motivo è che queste stanno lavorando alla costruzione di un grande ponte, il Ponte di Kerch, che unirà la Russia alla penisola di Crimea, annessa con modalità considerate illegali. Il ponte servirebbe a rafforzare la presenza russa sulla penisola. Il blocco delle aziende imputate consiste nel congelamento dei conti ed il sequestro dei beni presenti sul terrirtorio dell’UE. Con quest’ultima operazione, votata all’unanimità, anche dall’Italia, come richesto per azioni del genere, le aziende russe bloccate in Europa sono 44.

 

 

Commenti

Commenti

Etichettato , , ,