Il Dopocena

Il vertice dei G20 in Argentina

Si tiene quest’anno a Buenos Aires il G20, l’incontro annuale tra i capi di Stato e di Governo e i rappresentanti delle finanze delle economie più sviluppate al Mondo. Tra qualche difficoltà – come avvenuto all’aereo della Cancelliera Merkel, costretto ad un atterraggio di emergenza – i leader sono infatti giunti nella capitale argentina, dove sono numerosi i nodi da sciogliere: la guerra commerciale tra USA e Cina, il conflitto tra Ucraina e Russia, la posizione dell’Arabia Saudita dopo l’omicidio Khashoggi tra quelli più spinosi.

Presenti al vertice il Ministro Tria, il Premier Conte, oltre al Presidente Juncker e al Commissario Moscovici, i rappresentanti dell’esecutivo italiano si sono espressi sulla manovra e sul rapporto con l’UE. “Sono abbastanza fiducioso, bisogna lavorarci” ha risposto Tria sulla possibilità di sventare la procedura d’infrazione, a cui fa eco il Premier: “Sono ottimista”. Juncker ha confermato “progressi”, aggiungendo: “Siamo con l’Italia se l’Italia è con noi”.

ISTAT, cala il PIL e cresce la disoccupazione

L’Istat ha pubblicato i dati macroeconomici e sul lavoro del terzo trimestre dell’anno. Il Prodotto Interno Lordo registra un calo dello 0,1% rispetto al trimestre precedente, mentre la crescita annua si attesta ad un +0,7%. Nonostante un buon trend delle esportazioni (+1,1%), sono significative le riduzioni degli investimenti fissi (-1,1%) e dei consumi (-0,1%). Un andamento negativo che abbraccia tutti i settori merceologici e anche i servizi, con l’unica eccezione per l’agricoltura (+1,6%).  Per quanto riguarda il mercato del lavoro, se è vero che rimane stabile il numero degli occupati (diminuisce per i 25-49 enni, ma cresce per la fascia 15-24 e per gli over 50), aumenta quello di coloro che sono in cerca di lavoro, che confluiscono quindi tra i disoccupati (10,6%). A livello congiunturale, su base annua cresce il numero degli occupati (+0,7%, tasso di occupazione al 58,7%), soprattutto tra gli over 50 (+330mila) e con contratti a termine (+296mila), a differenza di quelli permanenti (-140mila).

Il Premier Conte, in Argentina in occasione del G20, si dice ottimista sul PIL: “Lo faremo crescere”; mentre il Ministro Salvini chiede di attendere l’approvazione della manovra finanziaria prima di fare valutazioni sull’operato dell’esecutivo.

Crisi Ucraina-Russia, continua lo scontro

Con un comunicato via Twitter, il Presidente ucraino Poroshenko ha annunciato il divieto di ingresso nel Paese per tutti gli uomini russi tra i 16 e i 60 anni. Come riporta Ansa, il motivo è quello di “impedire ai russi di formare distaccamenti di eserciti privati”. Alla decisione ha risposto il Ministro degli esteri russo, Maria Zakharova: “L’Ucraina potrebbe sprofondare nella guerra civile”; Trump ha invece deciso di cancellare l’incontro bilaterale con Putin, che doveva tenersi proprio all’interno del G20.

AGCOM, multate Tim e Wind Tre

L’Autorità per le garanzie nelle telecomunicazioni (AGCOM) ha comminato una multa di 1 milione e 508mila euro a TIM e 870mila euro a Wind Tre. Dopo che l’Antitrust aveva sancito il divieto di imporre le bollette a 28 giorni anziché su base mensile, le due società sono giudicate colpevoli di violare gli obblighi di trasparenza e i diritti di recesso, non avendo quindi fornito in modo chiaro e completo le informazioni sui contratti di telefonia ai propri abbonati.

Il piano per l’Italia di CNH Industrial

Dopo l’annuncio di ieri di FCA di investire oltre 5 miliardi in Italia nell’arco del triennio 2019-2021, oggi è il turno di CNH Industrial. La società, che come FCA fa capo al Gruppo Exor, prevede di investire 1,76 miliardi di investimento nel nostro Paese, principalmente per attività di ricerca e sviluppo.

Commenti

Commenti