fbpx

Il Dopocena

Manovra: Ue boccia misure del governo?

Jean-Claude Juncker ha smentito le anticipazioni di La Repubblica sul Country report secondo le quali per Bruxelles la manovra 2019: “non contiene misure capaci di impattare positivamente sulla crescita di lungo termine ma che, anzi, si riveleranno negative per il Pil, per il deficit e per il debito.”

Stando a quanto dichiarato dal Presidente della Commissione europea: “Non abbiamo discusso dei Country report e non abbiamo preso nessuna decisione sui conti pubblici italiani”.

Prima della smentita ufficiale, il Ministro dell’interno, Matteo Salvini, aveva commentato: “Stiamo parlando del nulla, abbiamo votato la Manovra economica meno di due mesi fa, e adesso dobbiamo parlare di una futuribile nuova Manovra?”, escludendo così una manovra correttiva.

Repentina la risposta di Juncker, che ha precisato: “il Vicepremier Matteo Salvini non è il ministro delle finanze”.

Il County report, documento che analizza l’economia e le debolezze dei paesi, è atteso per mercoledì 27 febbraio.

 

Tria su Tav: “Penso si debba fare”.

“Tutti i cantieri pubblici già iniziati, quelli che sono stati già oggetto di contratti, di trattati, di accordi internazionali, devono realizzarsi. Noi non soltanto dobbiamo rilanciare gli investimenti pubblici, ma dobbiamo mandare un messaggio di serenità a tutti quelli che vogliono investire sul lungo termine in Italia”.

Queste le parole del Ministro dell’economia e delle finanze, Giovanni Tria, in risposta ad un giornalista di France 3 in merito alla Tav.

Nella serata di oggi, Montecitorio ha approvato la mozione di maggioranza sulla Tav, con 261 voti favorevoli e 136 contrari.

 

Venezuela: aggiornamenti dell’ultima ora.

Il presidente Maduro ha chiuso le frontiere con la Colombia e le Antille olandesi a due giorni dalla data fissata dall’opposizione venezuelana per l’ingresso nel Paese dell’assistenza umanitaria.

Ha inoltre inviato blindati al confine con il Brasile.

In generale, la situazione venezuelana non è delle migliori: Amnesty International accusa le forze di sicurezza del Presidente di: “esecuzioni extragiudiziarie, arresti arbitrari e uso eccessivo della forza in una escalation della sua politica di repressione” concentrata nelle “zone popolari” che si sono associate alle proteste dell’opposizione.

Commenti

Commenti

Etichettato , , , ,