fbpx

Il Dopocena

Brexit, accordo Ue-Gb su proroga

Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha scritto su Twitter: ” I 27 ed il Regno Unito hanno concordato una proroga flessibile fino al 31 ottobre. Questo significa ulteriori sei mesi per il Regno Unito per trovare la migliore soluzione possibile”. Dopo otto ore di lavori per i 27 capi di stato Ue si è trovato un accordo per concedere sei mesi a Theresa May per cercare una maggioranza per l’approvazione ufficiale della brexit che altrimenti sarebbe prevista per domani.  La condizione posta dall’Unione per ottenere la proroga è la partecipazione della Gran Bretagna alle elezioni europee.

Rischio multa da 2 miliardi di euro per Unicredit

Unicredit potrebbe essere costretta a pagare una sanzione nell’ambito di un’investigazione della Commissione europea per presunte violazioni della normativa antitrust in relazione a titoli di stato Europei. Da una comunicazione della banca si legge: “L’investigazione si riferisce ad alcuni periodi compresi tra il 2007 e il 2012, e comprende presunte attività da parte di una delle controllate di Unicredit, per una frazione di questo periodo. Il gruppo non considera più remoto, ma possibile, sebbene non probabile, un esborso di cassa volto al pagamento di una potenziale sanzione. Sulla base delle informazioni attualmente a disposizione, non risulta possibile quantificare in maniera attendibile l’importo di una eventuale sanzione che potrebbe arrivare ad un ammontare massimo del 10% del fatturato annuo mondiale della società”. Il procedimento in esame riguarda la possibilità che 8 banche europee abbiano fatto cartello per distorcere la concorrenza nel trattare titoli di Stato.

Julian Assange arrestato a Londra

Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks, è stato arrestato all’ambasciata dell’Ecuador a Londra dopo che il Paese sudamericano gli ha revocato l’asilo politico. Assage al momento dell’arresto ha urlato: : «Il Regno Unito deve resistere a questo attentato dell’amministrazione Trump». Il presidente dell’Ecuador, Lenín Moreno ha affermato: «Con una decisione sovrana, l’Ecuador ha revocato lo status di asilo a Julian”. L’uomo è stato arrestato su richiesta dei giudici di Westminster ed è stato portato alla stazione centrale di Scotland Yard. Secondo il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano: «L’arresto di Assange, dopo 7 anni di ingiusta privazione di libertà, è una inquietante manifestazione di insofferenza verso chi promuove trasparenza e libertà come WikiLeaks. Amici britannici, il mondo vi guarda, l’Italia vi guarda. Libertà per Assange».

Commenti

Commenti