fbpx

Il Dopocena

Piazza Affari maglia rosa, bene le banche

Dopo la manovra correttiva dell’esecutivo e il mancato avvio della procedura d’infrazione, sancito ieri da Moscovici, è Piazza Affari oggi la borsa europea che registra la sessione migliore, guadagnando lo 0,94% e distanziando di molto la seconda, quella di Francoforte, che chiude ad un +0,14%. In salita i titoli bancari, con Unicredit, Intesa, Ubi Banca, Banco Bpm tra i più scambiati che guadagnano rispettivamente il 5,01%, 2,33%, 4,97%, 2,81%. Molto bene anche Monte dei Paschi (+13,35%), che è la seconda per performance giornaliera.

Putin a Roma e le novità dalla politica

Atterrato alle 12.58 all’aeroporto di Fiumicino, Vladimir Putin è stato in visita ufficiale a Roma. Accompagnato da diversi esponenti politici e del mondo industriale – i ministri degli esteri, del commercio, dell’energia, della cultura, della sanità, il capo della confindustria e delle ferrovie – il Presidente russo è stato ricevuto in mattina da Papa Francesco, con il quale si è svolto un colloquio di un’ora, e a pranzo dal Presidente Mattarella. Nel pomeriggio Putin ha preso parte al Foro di Dialogo Italo-Russo delle società civili presso il ministero degli esteri e successivamente alla cena con il Premier Conte e i vicepremier Salvini e Di Maio, per concludere poi con un incontro privato con l’ex Premier ed amico personale, Silvio Berlusconi. La prima visita di Putin dal 2015 ha previsto un’importante cordone di sicurezza in tutta la Capitale: è stata istituita una green zone, il traffico è vietato in 50 strade e sono impiegati circa mille agenti.

Presente alla relazione programmatica 2020-2022 dell’Inps, il Ministro Di Maio ha annunciato 5mila nuove assunzioni. Secondo Tridico, il Presidente dell’Istituto, 3500 sono stabilizzazioni, mentre circa 2mila saranno le nuove assunzioni in sostituzione del personale che ha fatto richiesta per Quota 100. Tridico ha poi presentato alcuni numeri sul lavoro svolto dall’Inps nell’ultimo anno. Sono state effettuate 17.170 ispezioni che hanno portato all’identificazione di 14mila aziende e 37500 lavoratori irregolari, 5mila quelli in nero, che corrispondono ad 1 miliardo e 117 milioni di euro di contributi evasi accertati. Anche Salvini si è espresso su una tema economico, in questo caso la flat tax. Il leader della Lega fa marcia indietro rispetto a quanto detto nei mesi scorsi, ma è comunque orientato a portare avanti la riforma fiscale: “Non subito e non per tutti, ma la faremo”. Gli fa eco il Ministro Tria: “Ci stiamo lavorando, è un punto del programma di Governo”.

Malpensa, 35 arresti per associazione mafiosa

28 persone in custodia cautelare, 7 agli arresti domiciliari, il blocco di due parcheggi dell’Aeroporto (il Parking Volo Malpensa e il Malpensa Car Parking) e della metà delle quote dell’azienda Star Parking srl. Questo è quanto è stato disposto dal giudice per l’istruttoria preliminare di Milano, Alessandra Simon, all’interno dell’indagine sulle infiltrazioni mafiose di matrice ndranghetista in Lombardia e in particolare nei comuni di Legnano e Lonato Pozzolo. Secondo i pm, la volontà delle “ndrine” sarebbe quella di mettere mano alle operazioni e alle zone di parcheggio dell’aeroporto, facendo pressione sugli imprenditori, sulla comunità e sulla politica locale. Un ambito molto redditizio soprattutto in previsione della prossima chiusura per ristrutturazione dell’aeroporto di Linate. Le manette sono scattate anche per Enzo Misiano, consigliere comunale di Ferno, in provincia di Varese, accusato di essere il trait d’union tra politica e criminalità organizzata.

L’immigrazione tra Libia e Tunisia

Il governo libico guidato da Al Serraj “sta valutando la chiusura di tutti i centri di detenzione dei migranti e il rilascio di tutti i detenuti in Libia” riporta The Libia Observer, citando Fathi Basagha, ministro dell’Interno. La decisione viene presa il giorno dopo il bombardamento del centro di detenzione per migranti di Tajoura, vicino Tripoli, che è costato la vita a 40 persone e il ferimento di altre 80.

Nella notte un’imbarcazione partente proprio dalla Libia e con 86 persone a bordo è affondata nelle vicinanze di Zarzis, ad est della Tunisia. Secondo Assiciated Press solo 4 persone sono state tratte in salvo, mentre le restanti 82 sono disperse. Una delle persone tratte in salvo è poi deceduta in ospedale.

Commenti

Commenti