fbpx

Il Dopocena

Ue, Italia si conferma ultima in Europa per crescita

Con un Pil che sale di 0,1% nel 2019 e di 0,7% nel 2020, l’Italia resta ultima per crescita nella Ue in entrambi gli anni. Nelle nuove previsioni economiche della Commissione europea, è Malta al top nel 2019 (+5,3%), seguita da Ungheria e Polonia (+4,4%), e dall’Irlanda (+4%). In fondo alla classifica, ma prima dell’Italia, c’è la Germania (+0,5%), che però nel 2020 recupera (+1,4%). La crescita italiana 2019-2020 “è legata soprattutto ai consumi privati, sostenuti da prezzi dell’energia più bassi e dal reddito di cittadinanza. Ma questi fattori positivi è probabile che vengano attenuati da un mercato del lavoro meno dinamico e dal calo della fiducia dei consumatori associata all’aumento di risparmi preventivi”: lo scrive la Commissione Ue nelle nuove previsioni economiche. (ANSA)

Audio di Buzzfeed: “Finanziamenti dalla Russia alla Lega”

La Lega avrebbe ricevuto degli ingenti finanziamenti da diversi milioni di euro da parte di alcuni uomini russi. Questi soldi sarebbero serviti per sostenere la campagna elettorale di Matteo Salvini e del Carroccio alle ultime elezioni europee. La notizia arriva da Buzzfeed, prestigioso giornale online americano, in possesso di una registrazione audio segreta a conferma dello scoop. Il sito statunitense parla di un incontro del 18 ottobre scorso presso l’Hotel Metropole di Mosca, alla presenza di uno stretto collaboratore di Salvini e di alcuni russi. Oggetto dell’incontro era la vendita di petrolio da parte di una compagnia di Mosca all’Eni, operazione da 1,5 miliardi di dollari per circa 3 milioni di carburante all’anno. La compravendita sarebbe stata realizzata attraverso degli intermediari con i russi che alla fine avrebbero fatto uno sconto di 65 milioni. Questi soldi, secondo Buzzfeed, sarebbero stati veicolati verso canali riconducibili alla Lega per, come scritto, sostenere la campagna elettorale del Carroccio alle ultime europee. (WSJ)

Powell apre al taglio dei tassi

Wall Street ha aperto in rialzo dopo che il presidente della Federal Reserve Jerome Powell, nel discorso preparato per l’audizione al Congresso Usa ha ribadito che la Banca centrale agirà nel modo più efficace per sostenere la crescita economica, minacciata da venti contrari che continuano a pesare sull’outlook americano. Il numero uno del Fomc ritiene poi che l’outlook macroeconomico degli Stati Uniti non sia migliorato nelle ultime settimane, lasciando quindi la porta aperta a un possibile taglio dei tassi di interesse, già forse nella riunione di fine mese. (Milano Finanza)

Commenti

Commenti