La leggenda del patrimonio segreto di Putin

Vladimir Putin ai tempi del KGB

Presidente della Russia, nato a San Pietroburgo il 7 Ottobre del 1952, con un passato trascorso da agente dei servizi sovietici del KGB e, dopo la caduta della cortina di ferro, da direttore dei servizi segreti della Russia post-sovietica, Vladimir Putin oggi governa la Federazione Russa da almeno 18 anni.Il 18 marzo 2018 trionfa di nuovo, conquistando il quarto mandato presidenziale fino al 2024. La percentuale di consensi è la più alta di sempre, arrivando a superare il 76%, anche se l’affluenza si ferma al 63,7%. Gli altri candidati non possono fare molto, tra di loro sono uno è riuscito a superare i 10 punti percentuali. Non mancano le critiche: opposizione e attivisti hanno denunciato centinaia di brogli e violazioni, anche se il ministero dell’Interno di Mosca conferma la regolarità del processo elettivo. Un uomo potente come il Presidente russo guadagna 118mila euro l’anno (8,9 milioni di rubli russi). Tuttavia, secondo quanto dicono alcuni, il capo del Cremlino avrebbe un patrimonio segreto di quasi 200 miliardi di dollari.

Bill Browder

Qualche anno fa la CNN ebbe come ospite Bill Browder, CEO della Hermitage Capital Management, fondo d’investimento che opera nel mercato finanziario russo. Browder affermò che Putin avrebbe accumulato negli anni un’enorme ricchezza, intorno ai 200 miliardi di dollari, grazie ad attività illegali messe in atto da un esercito di quasi 10.000 funzionari statali ai suoi ordini. Browder, ad Agosto 2017, aveva confermato la stessa versione dinanzi alla Commissione Giustizia del Senato Americano che stava indagando sulle interferenze russe nelle elezioni Presidenziali del 2016. A livello di attendibilità si tratta, però, di poco più che una voce di corridoio, visto che non esistono prove effettive riguardanti l’esistenza di un simile patrimonio sommerso. Il quotidiano The Atlantic, comunque, ipotizza che Browder abbia confidato a funzionari americani informazioni confidenziali per scovare i possibili nascondigli del presunto immenso patrimonio di Putin.

Vladimir Putin e Donald Trump al G20 di Amburgo

Le vicende

Dal 2007 il Dipartimento di Stato americano indaga su possibili conti segreti che Putin starebbe utilizzando per nascondere i suoi guadagni paralleli. Lo stesso anno la CIA redasse un rapporto in cui si sosteneva che il Presidente russo possedesse un patrimonio da un valore complessivo di circa 40 miliardi di dollari. Secondo Adam Szubin, sottosegretario al Dipartimento di Stato USA, il guadagno standard da capo di stato non rispecchia la realtà dei fatti. Per il funzionario statunitense Vladimir Putin, per i suoi trascorsi nei servizi segreti sovietici e russi post-URSS, è del tutto in grado di far sparire le tracce dei suoi conti segreti. Per Stanislav Belkovsky, analista e politologo russo, Putin possiede intere quote delle maggiori compagnie statali russe che operano nel settore petrolifero e del gas. Questo è possibile grazie a società offshore, Belkovsky aggiunge che il Patrimonio da 40 miliardi esclude i beni immobili ed i conti esteri. Senza prove e senza nessun indizio concreto, il tesoro di Vladimir Putin, detto lo “Zar”, se esiste è probabile che rimarrà nascosto fino a quando l’ex capo dell’FSB ed ex agente del KGB lascerà il Cremlino.

Vuoi scoprire i piani di Putin riguardo la “Grande Eurasia”, la politica di influenza russa sull’Asia centrale e l’Oriente? Prosegui la lettura qui.

Potrebbe la Russia adottare il sistema blockchain per creare un Criptorublo? Ne parliamo qui.

Commenti

Commenti

Etichettato , , , , , ,